Sono cresciuta al mare e al mare mi sento a casa, lo amo ma mi soffoca. La linea orizzontale dell’orizzonte che per alcuni è la sensazione dell’immenso o dell’unfinito è per me la chiara separazione di un piano separato in due: il piano dell’ indietro e quello del l’ avanti. Non ho piacere a contemplare l’acqua ma angoscia. La campagna invece, che non mi appartiene, mi rende più felice perché mi contiene e non ci sono orizzonti lineari ma profili, contorni, linee plurali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: