Se la Gestalt avesse usato la musica anziché le immagini figura/sfondo per dimostrare come il tutto è più della somma delle parti, avrebbe però concluso che: i significati (percezione e/o sentimenti) sono universali e non individuali e che non c’è contrapposizione tra parti e tutto ma solo un “salto” di qualità  dal semplice al complesso, dal lineare al dinamico che poi la matematica spegnerà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: