Quantum

Se l’uomo, animale diurno, dopo lo sviluppo della costanza dei colori,  anche durante i momenti della sua visione scotopica continua a dire che la rosa è rossa, come possiamo aspettarci assenza di pregiudizi e libertà mentale.

L’uomo sacrifica costantemente, in nome della stabilità del mondo, una parte della realtà e della sua soggettiva verità (persino sensoriale) e nega che la rosa di notte “è” grigia.

La realtà e la “verità” vengono così a coincidere con il concetto di quantità, la frequenza e il tempo passato ad utilizzare una visione fotopica, negando l’altra meno frequente. Se chiediamo a qualcuno se sa di essere “cieco ai colori la notte” lo vediamo trasalire. Senza necessità di un conflitto interiore egli non è cosciente della sua sensorialitá! Neppure quando gli chiediamo di rifletterci. Com’ è allora sperabile che egli sia sincero su eventi molto più complessi e dolorosi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: