Promemoria personale n6 ðŸ˜š

Assurdo come stonato.

Assurdo come sbagliato.

“mi spiace molto aver discusso, sono troppo duro e inflessibile e ti ho fatto piangere e questo mi ha provocato dolore ma in questo momento non è possibile per me avere alcun confronto con alcuno. preferisco cosi. ci risentiremo spero un giorno. tvb.”

Cosa?

La messa, una delle più importanti messe della tua vita, una messa unica e mi inviti li, ti fai seguire a casa tua e li mi impedisci di parlare “non mi interessa!”. Pernso: non è vero tu menti, perché mi hai fatta venire qui? Non è che non ti interessa è che non puoi, non vuoi ascoltare, vuoi dire tu la tua a modo tuo. Riprendere a parlare, tu, di maggio, di Ossigeno, di fatti e sottigliezze, di quel coglione di Fabio Volo … Vuoi chiarire e puntualizzare con me ma non ce la fai e dici solo la tua! Ok va bene… anche questo è amore, anche la rabbia può essere utile, poi ne faremo qualcosa di costruttivo, poi …

La prima volta che mi porti a casa tua e poi mi cancelli?

Non va bene. Non è giusto. Quanto meno il coraggio di una lunga e soddisfacente conversazione di spiegazione me la devi!

In questo tuo periodo di lutto, morte reale e tuoi pensieri di morte mi elimini? 

Ti manderò un pensiero al giorno, discreto e costante di cui tu varierai l’intensità a seconda che mi ignorerai o mi parlerai del tuo desiderio di morire. Fra questi due estremi ogni giorno ti manderò un pensiero. Ci sarò quando non mi vorrai per esserci se mi vorrai. Lo farò con desiderio ma lo farò anche quando non sentito nulla. Lo farò anche quando sentirò rabbia o disprezzo. Lo farò anche quando mi sentirò disprezzata. Non lo farò certo per una scopata! (Sei un maschio e forse hai solo due neuroni quindi meglio precisare!). Lo farò perché il bene è un fatto. Lo farò perché non farlo sarebbe da vili. Lo farò perché sarebbe uno di quegli sbagli che capisco adesso che lo sarebbero e non lo farò. Sono a volte debole ma questa forza ce l’ho.

Poi ci saranno i giorni del mio puro egoismo. In primavera, passati sei mesi, io ricomincerò ad esistere con i miei bisogni e desideri! Così ho promesso, così farò: per te, per me.

Avevo detto alle mie amiche che mi avresti portato a casa tua per la prima volta dopo la messa, che coincidenza: lo sentivo. E loro mi ripetevano che non avrebbe avuto senso!

P.S.

Non vorrei soffrire scoprendo che non siamo stati il grande amore.

Non voglio illuderti facendoti credere che ti amerei a qualsiasi condizione, anche se tu non mi avessi mai amata.

L’amicizia poi… Quella è inequivocabilmente simpatia e presenza nella necessità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: