A.G. Albero Nome22-5-16 Pensiero23-5-16 Tizia e Caio 28-5-16 Tizia e Caio 29-5-16 Tizia e Caio Story 29-5-16

Semplicemente io dico cose che ha te ora sembrano sciocchezze. Tu vedi 1 metro ed io 100 centimetri. All'apparenza è lo stesso percorso, concetto o misura ... Solo che non potrai mai conoscere i 100 cm ed io conoscerò il metro. Il viaggio che abbiamo fatto non è lo stesso. Hai attraversato i centimetri senza... Continue Reading →

Degno di nota.

L'andata e il ritorno di un unico crine teso nell'archetto impugnato, senza soluzione di continuità, senza sfiorare i margini, sulla più sottile corda pigiata sul più piccolo spazio; diventa ipotesi e verifica di un infinito. Acuto e fisso, trova un interstizio che non sapevo di avere. Chiudo le orecchie e guardo, movimento. Chiudo gli occhi ed è suono. Apro la mano... Continue Reading →

Parole ripetute,  come favole ai bambini, in quell'identico sempre uguale ripetere, si crea nel rituale il legame di fiducia e simultaneamente l'emergere di infiniti nuovi sentimenti e significati Parole ripetute,  come sfondi sfuocati, come rumore di sottofondo, siamo assuefatti, emergono immagini e suoni che scollegati da ciò che li fa emergere non hanno più valore... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: