“Bene, vediamo un po’ come fiorisci, come ti apri, di che colore hai i petali, quanti pistilli hai, che trucchi usi per spargere il tuo polline e ripeterti, se hai fioritura languida o violenta, che portamento prendi, dove inclini, se nel morire infradici o insecchisci, avanti su, io guardo, tu fiorisci.” (Patrizia Cavalli) "Il mio... Continue Reading →

A stretto giro. La memoria è sempre traccia, Manca quello che non è stato. Posso scordare la tua assenza.

A volte si sente la mancanza di ciò che non c'è mai stato. Così dolce la sorpresa della presenza quanto triste l'assenza. Così come tu ci fossi da sempre e per sempre restassi. Importante come il buongiorno e la buonanotte e da capo.

A volte il poco può essere tutto, semplice coincidente essenziale, sintesi, risultante concentrazione di noi uno spazio ri-stretto, uguale al nostro peso quando si annulla. A volte pochezza.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: