Quotidiano

E così mi accingo a te come una sposa

come alla prima notte di nozze nel viaggio di luna di miele

evento unico, co-incidenza di noi fra destino e caso

non esistenza in tutte le vite vissute nostre e altrui

nosta contingenza e alchimia

Tu, non lo straordinario

ma lo straordinario nell’ordinario

Attesa e certezza della porta che si apre al tuo rientro

Attesa e certezza dell’amarsi anche da stanchi

Senza posa

Riposo

Infinità che dal petto raggiunge tutte le estremità

che il corpo pervaso consente ma non contiene

che si diffonde nel mondo donando vita

Tu, amore, in me esordisci e ti sopisci, come una solida certezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: