La mia casa aperta

La mia casa aperta. La mia casa è aperta, puoi riposarci, puoi dormirci, puoi rigenerarti, puoi sfamarti. Nella mia casa puoi leggerci, studiarci, cucinarci, lavartici. Nella mia casa puoi. Ma la mia casa è la tua solo se la conosci.

Parlami di me

Parlami di me, disse. Lui raccontò cose vecchie, fatti noti sterili, fatti di dolore, fatti di gioia, raccontò con sottigliezze, particolari, collegamenti, raccontò cose ora nuove. Lei si conobbe meglio.

Presente

Sento più presente il passato che il futuro. Eppure il futuro mi schiaccia.

La Responsabilità del nome

Ho aperto le porte e ho fatto entrare un uragano. Senza riguardo tutto è stato devastato. Neanche le porte sono più qui. Questo uragano portava il mio nome. Mi siedo, mi rannicchio, faccio un passo. Siedo sulle macerie? No. Oggi ho spostato un dettaglio di questo insieme, solo un granello. Non si è visto? Eh... Continue Reading →

Sulle dita di una mano tutti i dolori, su quelle dell’altra tutti i doveri. Intorno a noi tutti i futuri possibili. Dentro di noi tutti i limiti. 

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: