Orgoglio, dignità e sacrificio sono tre parole importanti che dovrebbero essere usate con grande parsimonia. Di recente ke sento spesso usate e riferite al soggetto parlante. Ieri l’ovvio mi è apparso e senz’altre necessarie spiegazioni: queste tre parole segnano spesso il momento esatto dell’abbandono del confronto, dell’alzarsi e sbattere la porta dietro di sé, del guardare l’interlocutore con alterigia e disprezzo rendendo chiaro che tutto che seguirà non avrà valore e non verrà considerato. Queste tre belle parole sono spesso il segnale del l’estrema difesa emotiva di chi sentendo di non farcela più anziché ammetterlo racconta a sé e l’altro che egli solo ha la conoscenza della vetità. Esse segnano la confusione del parlante fra la maschera e il profondo … Dimistrami che non sei così. Scava nel profondo mantenendo il tuo orgoglio!

Qualunquismo e pragmatismo sono come una coppia di innamorati che fanno fatica a separarsi, però alle volte, sembrano avere un rapporto più consolidato, come una coppia di anziani sposati da tanto tempo e sempre a braccetto, che ormai si assomigliano a tal punto da sembrare fratelli.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: