Domino e regno perché pluriocularericalco i confini bagnati dell’isola. dal centro alto m’irraggio come stella a torcicollo. regno e domino dalla rocca ferita al fianco da un solo loculo. tengo la conta demografica: secondo soltanto allo zero. il mio è Stato sovrano, mio indivisibile numero. (A. Pibiri, Tabellina dell' io)

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: